Scegli il tuo legno

woods guide

Con questa piccola guida, vogliamo darti qualche informazione sulle caratteristiche timbriche ed estetiche dei legni che puoi scegliere per configurare il tuo strumento custom.

Grazie al nostro fornitore, che può vantare più di un secolo di esperienza nel settore del legno ed essenze stagionate oltre 40 anni e con certificazione Cites, ed alla selezione diretta dei nostri liutai ByoMusic ti permette di scegliere tra una grande varietà di legnami pregiati, nazionali, europei o esotici.

Acero

MapleUn corpo in Acero ha una sonorità estremamente brillante e precisa, enfatizzando le alte frequenze e il sustain (un esempio è la Les Paul signature Zakk Wilde). Non è un legno particolarmente figurato, anche se alcune varianti (fiammato, quilted, occhiolinato) generate dalle condizioni di crescita del singolo albero, possono presentare marezzature molto particolari, spesso però utilizzate per realizzare i top. Un body pieno in acero risulta particolarmente pesante.

Mogano

Le caratteristiche principali sono una voce profonda e morbida con un ottima risonanza sulle frequenze medio-basse e un fantastico sustain. Dobbiamo però fare una precisazione, in quanto il vero mogano è il solo Swietenia (oggi diventato molto raro e in via di estinzione, quindi difficilmente commerciabile), facciamo però rientrare nella famiglia dei Mogani anche Khaya, Sipo e Sapelli, legni dalle simili caratteristiche timbriche ed estetiche, seppur di origine differente.

Khaya

KhayaRelativamente leggero e poroso, particolarmente adatto all’abbinamento con top in legni pesanti. Garantisce un suono ricco di frequenze basse, una timbrica pastosa e un sustain contenuto.

Sipo

SipoDal colore più scuro rispetto agli altri due, è anche il più pesante e compatto, conferendo al body una sonorità più profonda e un attacco molto preciso, garantisce un sustain più prolungato. La scelta principe per un solidbody in “mogano” privo di top e camere tonali (tipo SG, LPjr, ecc…)

Sapelli

SapeleMolto simile al Khaya, sia come peso che colore, un pò più compatto, caratterizzato da una timbrica più definita, seppur enfatizzata sulle frequenze medio-basse.

Ontano

AlderIl legno principalmente utilizzato in casa Fender. Un legno non troppo pesante, l’Ontano ha un suono chiaro, pieno sulle frequenze medie ed eccellente sulle basse, frizzante sulle alte, ma raramente taglienti. Dal colorito chiaro, le venature dell’ontano non sono particolarmente interessanti, è una delle scelte più gettonate per finiture coprenti tipo ‘Solid’, ‘Metal’ e ‘Glit’.

Frassino

AshIn entrambi i casi il Frassino è un legno denso e risonante e presenta venature che risaltano con finiture trasparenti (‘Transparent’ e ‘Burst’), anche se lo Swamp Ash è molto più figurato. Il Frassino ha una sonorità netta e precisa, con un twang brillante sulle alte frequenze, basse decise, medie scavate e un ottimo sustain.

Pioppo

PoplarAnche se viene inserito nella famiglia degli ‘hardwoods’, il Pioppo risulta essere il meno denso del gruppo, rendendolo versatile proprio per la sua “trasparenza”: non presentando rilevanti caratteristiche timbriche, il Pioppo è un legno molto leggero, bilanciato su tutto lo spettro sonoro, pur non godendo di un elevato sustain, ideale per non “colorare” troppo il suono dei pickup.

Pino

PineMolto sottovalutato, il pino è un legno molto risonante, timbricamente simile a frassino e ontano, pareggia il primo esteticamente (grazie al disegno delle venature) e il secondo per la leggerezza. Lo stesso Leo Fender realizzò i primi prototipi di Esquire e Broadcaster in pino, passando poi al frassino (più duro del pino) e successivamente all’ontano (più leggero del frassino). Molti liutai stanno iniziando a realizzare delle versioni in pino della più classica di tutte le solidbody: la cosiddetta Pinecaster.

Zebrano

ZebrawoodIl suo aspetto lascia intendere molto bene da dove derivi il suo nome. Per via del suo peso viene utilizzato principalmente in spessori sottili per la realizzazione di top figurati, ma se utilizzato per realizzare dei body, il suo suono è brillante, simile a quello del frassino.

Tiglio

BasswoodÈ un legno di alberi molto longevi (fino a 250 anni) ma soprattutto di grandi dimensioni, con tronco diritto che può raggiungere i 15-20 metri d’altezza. Ha venature quasi impercettibili che lo rendono una buona base per le finiture Solid piuttosto che trasparenti. Le sue sonorità sono ricche di armoniche e la risposta è ben bilanciata su tutto lo spettro sonoro. Una sua peculiarità è il peso contenuto.

Korina

KorinaKorina è un legno leggero. Al tatto dà la sensazione della cera, anche se molto poroso. Il tono è molto simile ai mogani, più enfatizzato sulle medio-basse. Abbinato ad una finitura Natural ha il look delle Flying V degli anni ‘50.

Iroko

IrokoLegno originario dell’Africa equatoriale; duro e denso, ma relativamente leggero, presenta una risposta “full-range” con leggera risonanza sulle frequenze medio-alte oltre ad offrire un ottimo sustain. Di colore bruno/verde, ha una grana piuttosto piccola e non molte venature. Fai attenzione se acquisti un semilavorato su cui lavorare: la sua segatura risulta particolarmente irritante!

Comments